Apr’09: Ambiente: bando per la mobilità sostenibile nelle aree urbane
L'obiettivo è una migliore qualità dell'aria ed il potenziamento del trasporto pubblico

Migliorare la qualità dell'aria nelle aree urbane e potenziare il trasporto pubblico. Dal ministero per l'Ambiente e la Tutela del territorio e del mare arriva un bando per il cofinanziamento di azioni destinate alla mobilità sostenibile delle aree urbane non metropolitane.

Finalità e aree di intervento:

  • realizzazione di servizi e infrastrutture che favoriscano l'uso del mezzo pubblico e riducano l'uso dei veicoli privati;
  • potenziamento e sostituzione con veicoli a basso impatto ambientale della flotta dei veicoli del trasporto pubblico locale e potenziamento dei servizi di infomobilità;
  • realizzazione e potenziamento di interventi di razionalizzazione e miglioramento del processo di distribuzione delle merci in ambito urbano, anche tramite interventi multimodali di interesse di più comuni e attraverso l'utilizzo di tecnologie telematiche e di veicoli a basso impatto ambientale;
  • realizzazione di parcheggi di interscambio da localizzare nei principali punti di ingresso alle aree metropolitane per ridurre la circolazione dei mezzi privati nelle zone centrali e favorire l'intermodalità ed un maggiore utilizzo del servizio di trasporto pubblico;
  • diffusione ed utilizzo dei carburanti a basso impatto ambientale e potenziamento delle relative reti di distribuzione con specifico riferimento alle utilizzazioni per le flotte pubbliche;
  • diffusione della figura del mobility manager nelle aree geografiche in cui risulta poco diffusa o assente e potenziamento di tale figura ove esistente attraverso il sostegno alle nuove iniziative e a quelle già avviate particolarmente significative;
  • potenziamento dei servizi integrativi al trasporto pubblico locale e di quelli complementari, con particolare previsione allo sviluppo della gestione dei sistemi di car pooling e alla implementazione e diffusione del carsharing, anche attraverso la previsione da parte dei Comuni di forme di facilitazione per la gestione di tale servizio, l'espansione territoriale sia nelle aree urbane che in quelle più periferiche, l'integrazione con altre modalità di trasporto, l'incentivazione all'utilizzo da parte delle amministrazioni pubbliche e delle aziende private, il consolidamento della struttura dell'offerta;
  • promozione della mobilità ciclistica attraverso la creazione di reti urbane dedicate, delflntermodalità tra bici ed il treno e i mezzi di trasporto pubblico anche attraverso intese con le Ferrovie dello Stato S.p.a. e le aziende di trasporto pubblico, e predisposizione di strutture mobili e di infrastrutture atte a favorire tale intermodalità;
  • realizzazione di interventi specifici per aumentare la sicurezza degli utenti deboli lla strada, tra cui i bambini, gli scolari e i pedoni.


INSERITO DA:

administrator

ETSI Nazionale
Via Tagliamento, 9 - 00198 Roma
tel 06/85357370
mail info@etsicisl.it