Apr'09: La dichiarazione finale del G8 agricoltura
Un documento articolato in 13 punti

Di seguito i 13 punti in cui si articola la dichiarazione finale del G8 agricoltura.


1
- L'agricoltura e la sicurezza alimentare sono al centro dell'agenda internazionale.

2 - Garantire l'accesso a una quantità adeguata di acqua e cibo è essenziale per lo sviluppo sostenibile e quindi per il nostro futuro. E' necessario concentrare l'attenzione su tutte le strategie da attuare e condividere per ridurre la povertà e aumentare la produzione mondiale e per conseguire la sicurezza alimentare, in particolare nei Paesi in via di sviluppo.
3 - Si sottolinea l'importanza di aumentare gli investimenti pubblici e privati nell'agricoltura sostenibile, nello sviluppo rurale e nella protezione ambientale, in cooperazione con le organizzazioni internazionali.

4 - Si sottolinea l'importanza di solide politiche agricole e strategie concrete per sostenere gli investimenti a livello nazionale, regionale e globale.

5 - Si chiede un maggiore sostegno, che comprenda gli investimenti, nell'ambito della scienza e ricerca, tecnologia, istruzione, divulgazione e innovazione in agricoltura.

6 - Gli agricoltori devono essere i protagonisti del settore agricolo. L'agricoltura deve rispondere ai bisogni dei cittadini in materia di sicurezza e salubrità alimentare.

7 - Sostenere il ruolo di mercati ben funzionanti come mezzo per migliorare la sicurezza alimentare, per questo si esploreranno varie opzioni in merito a un approccio coordinato per la gestione degli stock. Si rimanda alle maggiori istituzioni internazionali il compito di esaminare se questo sistema di gestione degli stock può essere efficace nell'affrontare le emergenze umanitarie o come strumento per limitare la volatilità dei prezzi.

8 - Mettere l'agricoltura e lo sviluppo rurale al centro della crescita economica sostenibile insieme alle altre politiche, rafforzando il ruolo delle famiglie agricole e dei piccoli agricoltori.
9 - La produzione di energia rinnovabile da biomasse deve essere aumentata in modo sostenibile attraverso una combinazione bilanciata delle necessità delle politiche energetiche con la produzione agricola.

10 - Gli agricoltori necessitano di meccanismi adeguati per la gestione dei rischi e delle crisi di mercato. I sistemi nazionali e internazionali di previsione e gestione delle statistiche agricole e i meccanismi di pre-allerta devono essere potenziati e meglio coordinati per anticipare ed evitare crisi future.

11 - Ci si impegna per la piena realizzazione della riforma in atto del sistema internazionale per la sicurezza alimentare, inclusa la Fao.

12 - Si sottolinea l'appoggio al processo consultivo e di rapida costituzione della "Global Partnership", secondo gli orientamenti forniti dalla Dichiarazione finale del Vertice G8 di Toyako.

13 - Riconferma al sostegno al coordinamento svolto dalla Task Force di Alto Livello sulla Sicurezza Alimentare delle Nazioni Unite.

 

 



INSERITO DA:

administrator

ETSI Nazionale
Via Tagliamento, 9 - 00198 Roma
tel 06/85357370
mail info@etsicisl.it