Apr'09: Tolosa e dintorni
(di Emma de Palma)

Parliamo di Tolosa, definita città rosa per il colore dominante dei mattoni con cui sono costruiti gli antichi edifici, conquistata dai Romani tra il 120 e il 100 avanti Cristo.

Città attraversata da un fiume grande e placido chiamato “ la Garonne”, con un canale artificiale che gli corre a fianco, costruito tra il 1666 e il 1681,  ossia il  “Canal dù Midi” che attraversa tutta la regione, dal mare Mediterraneo all’oceano Atlantico e di cui parleremo più avanti.

Tralasciando la storia antica ci piace ricordare che Tolosa diede rifugio a numerosi fuoriusciti spagnoli nel corso della guerra di Spagna e a diversi antifascisti italiani tra cui Silvio Trentin, Giuseppe Dozza e Giacomo Ferrari. Ci piace anche ricordare che nell’ottobre 1941 i rappresentanti dei tre principali partiti antifascisti italiani firmarono il cosiddetto documento di Tolosa che costituì l’embrione del futuro Comitato di Liberazione Nazionale.

Oggi Tolosa è per popolazione la quarta città della Francia dopo Parigi, Marsiglia e Lione e conta circa 450.000 abitanti; è ricca di apporti interculturali essendo la seconda città universitaria dopo Parigi per numero di studenti residenti.

Essa è conosciuta in tutto il mondo non solo per la sua bellezza e per alcuni caratteristici  monumenti del XIII sec. fra cui: la basilica di S.Sernin, il convento dei Giacobini, la cattedrale di S.Etienne, ma anche perché con Amburgo ( Germania ) è una delle due città che assemblano gli aerei della casa produttrice airbus. Proprio a Tolosa dal 2005 viene costruito l’aereo più grande del mondo: l’ airbus 380 ( con una capienza di 520 passeggeri ). Ma essa è conosciuta, assieme alla regione del Midi-Pyrénées di cui è capoluogo, per il sucitato ”Canal dù Midi”, canale navigabile lungo circa 250 chilometri, alimentato dai fiumi che scendono dalle vicine montagne. Nel punto più alto a Naurouze le acque si dividono per raggiungere rispettivamente il mare Mediterraneo e l’oceano Atlantico. E’un’opera colossale che conta 65 chiuse e che venne realizzata su iniziativa e su progetto dell’ingegner Pierre Riquet avvalendosi anche degli studi sul moto delle acque di Leonardo da Vinci.

Nel 1996 il canale è stato considerato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Eccellente il museo che è stato allestito a Saint Ferreol  e che dà la dimostrazione dell’opera incredibile che venne progettata e realizzata con mezzi certo meno potenti di cui l’ingegneria dispone oggi. 

Il canale dù Midi è paragonabile per grandiosità d’opera al canale di Panama che collega l’oceano Atlantico all’oceano Pacifico ( lungo 81 chilometri) e al canale di Suez che collega il mare Mediterraneo col mar Rosso  ( lungo 163 chilometri) .

Appena fuori Tolosa, percorrendo prima l’autostrada e poi una strada provinciale, fra campi di grano e vigneti, si raggiungono vari centri agricoli con le caratteristiche case in mattoni o in pietra dell’XII e del XV sec. Quello che colpisce in questi luoghi  è l’uniformità dello stile del centro storico che come nel caso di Cordes ( delizioso paesino arroccato sul cucuzzolo di una collina) costituisce tutto il costruito. Questa è la zona famosa per la coltivazione del pastel, pianta molto ricercata specialmente nel XIV e XVII  sec., dalle cui foglie si ricava ancora oggi il bleu pastel. Questo particolare bleu era sinonimo di privilegio e prestigio ed era usato soprattutto per la tintura dei tessuti. Alcuni dei più bei palazzi di Tolosa, oggi diventati musei o ristoranti, appartenevano a ricchi mercanti di pastel. Non si può non parlare di Albi per chiudere questa breve incursione nella zona dei “Midi Pyrénées ”.  La cattedrale fortezza di Albi risalente al XIII sec. è la più grande chiesa in mattoni del mondo. Accanto ad essa il museo e la casa del pittore Toulouse Lautrec.

Per chi volesse soggiornare in un vecchio convento benedettino, poi diventato nell’Ottocento scuola militare, a  Sorèze c’è l’hotel “Abbaye Ecole” contornato da un vasto parco ai piedi delle montagne dove si respira la calma della natura.



INSERITO DA:

administrator

ETSI Nazionale
Via Tagliamento, 9 - 00198 Roma
tel 06/85357370
mail info@etsicisl.it