Nov '09: Roma merita maggiore cura e attenzione
Sul quotidiano “ il Messaggero “ del 6 novembre 2009, nella cronaca di Roma, è stato pubblicato il seguente articolo: Turismo, solo New York batte Roma

Prima New York, seconda Roma. Solo la Grande Mela, insomma, sorpassa la Capitale nella top ten dei luoghi imperdibili secondo Tripadvisor, la più grande community di viaggiatori al mondo, in collegamento con l’Unesco.
Lo ha sottolineato ieri il vicesindaco e assessore al Turismo, Mauro Cutrufo: «Ancora una volta a definire Roma come città imperdibile sono gli stessi viaggiatori: il sondaggio certifica che la Caput Mundi è considerata inferiore solo a New York tra le località irrinunciabili del Patrimonio dell’Umanità». L’Italia, del resto, piazza fra le prime dieci città predilette dai turisti anche Venezia e Firenze. «Sul turismo prosegue Cutrufo stiamo già raccogliendo i primi risultati delle nostre strategie di rilancio: Roma, in controtendenza rispetto alle altre città europee, sta uscendo rapidamente dalla crisi. La realizzazione del Secondo Polo turistico della Capitale, che stiamo presentando in giro per il mondo, permetterà ulteriori progressi grazie anche al fatto che la città è in possesso di un patrimonio artistico e culturale che non ha paragoni».
Che la Capitale e la sua provincia stiano ”tenendo” in fatto di visitatori lo confermano anche i dati del Rapporto annuale (luglio 2008-giugno 2009) dell’Osservatorio congressuale italiano presentati ieri alla Btc in corso alla nuova fiera capitolina: con 3,5 milioni di presenze congressuali Roma stacca di oltre 900mila unità Milano nella classifica che comprende anche Rimini, Firenze e Torino.
Quasi 20mila gli eventi congressuali a Roma che punta ad arginare il crollo generale del settore caduto ai livelli di cinque anni fa. Sempre nel confronto con Milano, in termini di partecipanti, la Capitale è arretrata solo del 6,98% contro l’8,91%.

Nota integrativa di G.D.

L’articolo non può che far piacere, anche a chi non romano ha scelto Roma come città di residenza e di lavoro.

Ma se ciò è vero, e noi non abbiamo motivo di dubitare che Roma sia davvero la città più ambita e che stia in cima alla lista delle preferenze dei turisti stranieri, ci domandiamo:  perché la manteniamo così sciatta e sporca e non ci adoperiamo viceversa per renderla più pulita e accogliente? Non c’è in noi nessuna vena polemica nei confronti di amministratori e aziende di servizio pagate per questo, e non mancherebbero certo le ragioni per farlo, ma se parliamo al plurale vuol dire che c’è solo la voglia di dare una mano responsabilizzando tutti, anche coloro che non sono colpevoli dell’attuale, deplorevole degrado.

Non bastano i soldi? Facciamo una proposta .

Si metta fine all’ostracismo messo in campo dagli albergatori nei confronti della tassa di soggiorno e introduciamo una tassa che possiamo chiamare di scopo e che serva ad alimentare un fondo, svincolato dagli altri capitoli di bilancio, che sia gestito da un comitato rappresentativo di tutti gli interessi in campo, compresi gli stessi albergatori e gli esercenti di servizi turistici, e che sia finalizzato a tenere pulite le strade, a realizzare la ordinaria manutenzione di strade e marciapiedi, a curare le aree verdi e le aiuole, a eliminare le scritte e i manifesti dai muri, nel centro e in periferia, a controllare che i servizi erogati siano improntati alla qualità, alla serietà, alla cordialità e alla onestà nei confronti di chi viene a trovarci, dando una dimostrazione che quando vogliamo siamo seri e affidabili anche noi, né più né meno dei popoli a noi vicini e con noi concorrenti: E chiedere troppo?



INSERITO DA:

administrator

ETSI Nazionale
Via Tagliamento, 9 - 00198 Roma
tel 06/85357370
mail info@etsicisl.it