Nov '09: Italia & Turismo, aumenta il budget per il credito agevolato per le imprese turistiche
Nuovi accordi Governo Istituti di credito per un totale di oltre 2MLD e mezzo di finanziamenti

Sale a 2,785 miliardi di euro il platfond destinato a sostenere le imprese nel settore turistico ricettivo previsto dall’iniziativa “Italia & Turismo”. Il 5 novembre 2009, infatti, nella sala stampa di Palazzo Chigi, il ministro Brambilla ha siglato una serie di accordi con tre nuovi istituti di credito - Banca Nazionale del Lavoro, Monte dei Paschi di Siena e Banca Popolare dell’Emilia Romagna - che si vanno ad aggiungere agli altri cinque gruppi bancari – Banca Intesa San Paolo, Unicredit, Banco Popolare, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio - già integrati nel progetto.

Obiettivo dell’iniziativa “Italia & Turismo”, è mettere a disposizione del comparto ingenti risorse finanziarie aggiuntive e a condizioni particolarmente vantaggiose, rispetto alla ordinaria attività creditizia, destinate alla riqualificazione ed allo sviluppo delle imprese turistico ricettive favorendo processi di aggregazione, di valorizzazione commerciale, agevolando il rinnovamento di macchinari ed impianti, il ricambio generazionale, dando un impulso al risparmio energetico e ad investimenti pubblicitari.

L’operazione, che prevede il coinvolgimento delle associazioni di categoria, tra cui Assoturismo, Confesercenti, Confcommercio, Federturismo, Confindustria, riguarda oltre alle condizioni di credito alle imprese, anche i tempi di risposta ed evasione delle istruttorie di finanziamento, il supporto operativo e “progetti pilota” che accompagneranno le micro e piccole imprese del settore in un percorso di rinnovamento.

 

Progetto “Italia & Turismo”, come funziona in pillole

Banche Partecipanti Gruppo

Banca Intesa Sanpaolo                 6.354 sportelli

Gruppo Unicredit                            5.053 sportelli

Gruppo Banco Popolare               2.126 sportelli

Gruppo Banca Popolare Milano    790 sportelli

Gruppo Banca Popolare Sondrio               260 sportelli

Gruppo Monte Paschi di Siena    3.109 sportelli

Gruppo Banca Nazionale Lavoro         780 sportelli

Gruppo Banco Popolare Emilia R.       618 sportelli

Plafond

Euro 2,785 Miliardi

Beneficiari

Imprese del settore turistico ricettivo

Finalità

Investimenti di riqualificazione e sviluppo di imprese nel settore turistico ricettivo, anche in riferimento ai processi di aggregazione, di valorizzazione commerciale, di rinnovamento di macchinari ed impianti, di ricambio generazionale, di risparmio energetico e per investimenti pubblicitari.

Importo finanziabile

A seconda della Banca impegnata nel Progetto, senza alcun limite per l’importo minimo e con massimi che arrivano, per alcune convenzioni a 750.000 euro per le operazioni chirografarie, 2.000.000 per quelle ipotecarie o ad un valore pari all’100% del programma di investimenti da realizzare (IVA esclusa), senza alcun limite di importo massimo.

Durata

A seconda della Banca impegnata nel Progetto, il finanziamento è erogabile con una durata compresa tra un minimo di 6 mesi e fino ad un massimo di 20 anni. Le durate possono essere comprensive di un periodo di preammortamento (rate di soli interessi).

Tassi

A seconda della Banca impegnata nel Progetto, tasso RIBS e Euribor 1/3/6 mesi base 360 (in ragione della periodicità della rata prescelta) maggiorato di uno spread che in ogni caso partirà da 0,6 punti percentuali mentre lo spread massimo non supererà il 2,5%, determinato di volta in volta in relazione alla tipologia di intervento, alla durata e al rating della clientela.

Periodicità

Rate mensili, trimestrali, semestrali con possibilità di prevedere persino il rimborso annuo del capitale per far fronte ad esigenze di stagionalità.

Garanzie

A seconda della Banca impegnata nel Progetto: Confidi/Consorzi di garanzia a prima richiesta o eleggibile, espressione di Associazioni di Categoria; Garanzia diretta del Fondo Centrale di Garanzia (L.662/96); eventuali garanzie personali anche da parte di terzi; per operazioni ipotecarie ipoteca di 1° grado sull’immobile.

Spese

A seconda della Banca impegnata nel Progetto, le spese istruttoria possono variare tra 0 a 0,40% sull’importo finanziabile o in quota fissa da un minimo di 0 euro ad un massimo di 2.000 euro. Spese estinzione anticipata per finanziamenti a tasso variabile possono raggiungere un massimo dell’1% del capitale estinto anticipatamente, a seconda della Banca impegnata nel Progetto.



INSERITO DA:

administrator

ETSI Nazionale
Via Tagliamento, 9 - 00198 Roma
tel 06/85357370
mail info@etsicisl.it